Regali di natale



Non ho fatto la lettera a Babbo Natale ma qualche regalino l’ho ricevuto anche io, tra i quali cito questo cofanetto di delizie , donatomi dal fratello di mio marito stabilito oramai de qualche anno in Provenza, splendida regione nel sud della Francia, dove non manchiamo di visitare, qualche volta durante le vacanze estive.
La tradizione dice, racconto che traggo direttamente dal cofanetto, molto ben confezionato con i suoi tre cassetti di sorprese deliziose,In Provenza, la tradizione dei 13 dessert è una delle più antiche e delle più importanti durante le feste di Natale. Vere delizie per le papille e le pupille, regnano sulle tavole, decorano piatti e cesti, sotto gli sguardi golosi dei piccoli e dei grandi.

Ogni città, ogni casa, possiede il suo proprio modo di confezionare i 13 dessert. Le specialità più rappresentate, bisogna sottolineare la presenza dei 4 “mendiants“, uvetta sultanina, noccioline,mandorle e fichi secchi, che evocano per i loro colori i vestiti disordine dei mendicanti. Poi i signori dei 13 dessert: il torrone bianco e nero, simboli del bene e del male, cosi’ come i calissons dal fine sapore di mandorle e di melone candito. In fine, in una forandola di odori e sapori, la pompe all’olio, le scorze di arancia candita,i datteri, albicocche secche, la gelatina di frutta e il mandarino candito.
I 13 dessert che simbolizzano i dodici apostoli e il Cristo, di gustano , normalmente alla fine del pranzo,bagnati da una lacrima di vino cotto o di champagne. Portano in se tutto il vigore e la forza delle tradizioni provenzali….

Se vi capita di passare da Aix en Provence, cercateli e gustateli sono deliziosi.

Annunci