Classifica regionale


Meme che vai meme che vieni. Elga , la cara mamma3, mi invita a stilare una graduatoria delle Regioni in base ai loro prodotti gastronomici.

Dopo aver messo a punto l’ordine d’ importanza dei piatti tradizionali delle varie regioni che ho avuto la possibilità di visitare e , quindi ,gustare sul posto, mi sono resa conto che non ho affatto una graduatoria preferenziale, mi piacciono allo stesso identico modo tutti. Ogni Regione ha la sua prelibatezza che contribuisce all’Italia tutta intera di avere i migliori prodotti e le migliori pietanze riconosciute in tutto il mondo.

Eccole in ordine alfabetico.

Calabria ( per combinazione la mia regione d’origine) prima di tutto tengo a sottolineare che questa regione conserva ancora le tradizioni di una cucina povera e rivolta sopratutto al risparmio dei prodotti locali, come la conservazione delle carni suine, “insaccati, sopressate e salami” ed i latticini, “caciocavallo , ricotta salata e affumicata, come le verdure,i pomodori, i peperoni,le melanzane,la frutta, messe in conserva o a seccare al sole, per essere consumati nei periodi di carestia. Come posso non amare tutto questo. E’ d’obbligo uno spazio nell’auto per fare la mia scorta quando rietro dalla vacanze.
Campania. Ho passato qualche tempo a Napoli dove viveva una mia zia, ho mangiato la pizza più buona, ho mangiato gli scialatielli, la pasta cresciuta, il gateau, puré di patate con il salame napoletano, le sfogliatelle, le delizie al limone e tante altre meraviglie gastronomiche.
Emilia Romagna. Cosa non citare di questa regione per le meravigliose pietanze, ho amato ed amo i tortellini, la piadina, lo gnocco fritto, la mortadella.
Friuli Venezia Giulia. Nominare questa regione per me significa sentire il profumo del Montasio grattugiato sulla polenta.
Puglia. Regione ricca di sole e di mare, vicina alla Calabria ha sapori simili, sapori contadini, come le orecchiette con le rape, i lampascioni.
Sardegna. Non dimentico il profumo dei Seadas, della Bottarga di Muggine del liquore di Mirto e per finere il caratteristico pane Frattau.
Sicilia. Altra regione vicina alla Calabria dove mi recavo spesso visitando Taormina, Siracusa. Come non apprezzare i Cannoli Siciliani, il Pesto di Pistacchi, la Cassata,la Brioche con la Granita di Caffè, la Caponata, a tanti altre ancora.
Toscana. La regione che ho visitato maggiormente, ogni anno la sosta di una settimana é diventata una abitudine piacevole dove riposaci e gustare oramai le prelibatezze come i Crostoni di cavolo nero, la Farinata di cavolo nero, la Cecina, ed i Cantucci con il Vin Santo.
Umbria. Regione non ancora visitata ma che finalmente prevedo di passare qualche giorno prima di scendere in Calabria, dove potro’, con molto piacere, gustare il Tartufo di Norcia ed il Panpepato.

Ed ora non mi resta che aspettare di conoscere le regioni che hanno fatto gola a Cuochetta, Claudia, Arietta , Alessia e per finire Campo di fragole .Buon Lavoro.

Annunci