Tarte renversée ai fichi, liquore di cedro e lavanda


Tarte ranversée ai fichi, liquore di cedro aromatizzato alla lavanda

Tarte ai fichi originally uploaded by via delle rose


Al mio piccolo mercatino ho trovato i fichi, con etichetta “provenienza Italia ” ed anche biologici. Li ho presi e già avevo in mente la loro morte. Dopo averli sciroppati seguendo la ricetta (QUI) della nonna di Salsina, (buonissima) ho anche preparato, finalmente, un dolce per il fine settimana. I fichi essendo già abbastanza dolci e a contatto con il calore assumono quel delizioso gusto di caramello e miele e l’idea é stata quella di realizzare una torta rovesciata, e per finire proprio in bellezza la stagione di questo frutto, ho pensato di aromatizzarlo con del liquore di cedro di Scalea e dei rametti di lavanda provenienti dalla Provenza, (giardino di mio cognato) profumatissima e senza contaminazione alcuna. Tutto all’insegna degli ultimi profumi dell’estate, oramai sparita, lontana. Percio’ partecipo con questa ricetta alla raccolta di Fragolina dei sapori “lontani” dell’estate il:Tasty sammer holiday souvenir

My creation

Tarte ai fichi originally uploaded by via delle rose

  • Pasta sfoglia: un rotolo
  • Fichi: 500 grammi
  • Liquore di cedro di Scalea: un piccolo bicchierino, circa 5cl
  • Lavanda di Provenza : due rametti
  • Burro: 20 grammi
  • Zucchero di canna: un cucchiaio raso.

My creation

Tarte ai fichi originally uploaded by via delle rose


Per prima cosa ho messo in infusione i rametti di lavanda nel liquore di cedro, lasciandoli per una mezzora.

Ho lavato ed asciugato i fichi, scegliendo quelli meno maturi e sopratutto senza pesticidi, per utilizzarli con la buccia, altrimenti, per questa preparazione, si sarebbero scioti troppo.

Nella solita padella, ho fatto sciogliere il burro e messo i fichi tagliati a metà, li ho lasciati dorare a fuoco bassissimo, bassissimo, ho messo i due rametti di lavanda e dopo due minuti ho bagnato con il liquore di cedro, filtrato. Vedrete che i fichi , con il calore, lasciaranno fuoriuscire il loro liquido mieloso e a contatto con il liquore diventa caramello, fate questa operazione impregnando i fichi nel liquido, muovendo la padella, o con un cucchiaio di legno, ma molto delicatamente per non farli sfasciarli, pochi minuti bastano per renderli morbidi e caramellati.

Lasciati intiepidire, ho preparato una teglia di 22 cm. di diametro e imburrata e cosparsa dello zucchero di canna, ho sistemato carinamente i fichi e coperto con rotolo di pasta sfoglia infilando il bordo all’interno della teglia, che ho passato in forno, preriscaldato a 200°, per 25 minuti, fintanto che la sfoglia sia ben dorata. Per ancora 5 minuti ho lasciato la tarte in forno spento e con l’aiuto del piatto di portata l’ho capovolta “Ranversée” per gustarla tiepida accompagnata di un bicchierino di vino moscato.

Tarte ranversée ai fichi, liquore di cedro aromatizzato alla lavanda

Tarte ai fichi originally uploaded by via delle rose

Vi auguro un buon fine settimana e vado a ritirare i tanti premi che mi avete assegnato ;)….ringraziandovi di cuore

ps: Nei prossimi giorni ho da proporvi ancora una ricetta con questo frutto – oh no!!! – direte: ora esagera Mariluna – eeeh bene, si, anzi, vi consiglio di congelare una diecina di fichi, se ne avete ancora, perché potreste anche pentirvene.

Annunci