Paccheri impanati con salsa di finocchi e gorgonzola


Paccheri impanati

Com’é che sono arrivata a pensare questa ricetta?, adesso vi spiego tutto,poche righe e vi racconto la storia di questi paccheri impanati.
Ero in macchina, al rientro dal lavoro e, come tutti i giorni, mentre mi diriggo verso la scuola per “ritirare” i miei bimbi, il mio pensiero và alla cena…che faccio stasera??? C’é stato un periodo in cui mi preparavo il menu’…un’idea di menu’, perché sono sempre a cambiare, ma almeno gli ingredienti base sono sempre a portata di mano ma se mi salta in testa qualcosa di particolare da sperimentare quell’odorino percepito chissà proveniente da dove, mi da l’idea di fare un qualcosa che non é previsto nel menu’…allora non c’é verso di rispettarlo e vado a cercare l’occorrente per realizzare la mia idea-voglia. Dunque, ritornando alla ricetta, il mio primo pensiero é ,naturalmente, rivolto ai bimbi che ,capita non spesso, ma capita, al loro rientro sono affamati cio’ significa che alla mensa scolastica qualcosa non é stato di loro gradimento e per soddisfarli dopo la delusione del pranzo, oltre che a fargli fare una buona merendina devo, voglio, provvedere a gratificarli con un bel piatto di pasta ,a scuola qui é raro che mangiano la pasta, qui la pasta é un contorno…..un contorno…un contorno…e perché no?, allora penso alla pasta come contorno, da accostare ad una cotoletta di pollo o di pesce impanata….impanata….impanata, appunto perché non fare una cotoletta di pasta?…ecco che mi ricordo del magnifico pacco di paccheri di Gragnano…un regalo condiviso con tanta generosità da parte di Elga…colgo l’occasione per ringraziarla affettuosamente…in quel pacchetto c’erano rimasti pochi paccheri, ne avevo già utilizzato a metà per un condimento all’italiana, salsa di pomodoro,pancetta e abbondante parmigiano, quelli che mi restavano erano giusto dieci e che avrei potuto fare solo con dieci paccheri?…ma tentare la mia folle idea di impanare la pasta e mentre “ritiravo” i bimbi, elaboro l’idea.

Il risultato é stato incredibilmente soddisfacente, il formato di pasta di presta benissimo a questo tipo di impanatura. La pasta preparata cosi’ puo’ anche essere mangiata come le patatine fritte…con meno calorie, presentata come contorno ma anche come ho fatto io con una delicata salsina e poi é molto bella da vedere…decora i piatto ed i bimbi sono rimasti incantati e deliziati ed anche mio marito.

Paccheri impanati con cremina di finocchi e gorgonzola

Per 4 persone

  • 20 paccheri di Gragnano*(v.nota)
  • due uova
  • circa 3 o 4 cucchiai di pangrattato
  • 2 cucchiai abb. di parmigiano
  • un cucchiaino di erbe di Provenza
  • sale e pepe qb

Per la salsa

  • un finocchio
  • 100 g di gorgonzola
  • olio evo
  • sale e pepe

Far bollire i paccheri in abbondante acqua salata secondo le indicazioni del pachetto ( io ho lasciato bollire un minuto in piu’ perché lasciandoli troppo al dente, con l’impanatura e poi la doratura in forno si sarebbero troppo induriti). Scolarli e lasciarli asciugare qualche munito su un panno pulito. Sbattere le uova in un piatto largo, aggiungendo un filino d’olio evo. Preparare la panatura mescolando il pangrattato con le erbe di Provenza, un pizzico di sale, pepe e parmigiano grattuggiato. Passare i paccheri prima nelle uova sbattute e poi nel pangrattato aromatizzato. Un una teglia larga rettangolare, ho preparato un foglio di carta forno unto d’olio, ho sistemato i paccheri a fila senza sovrapporli ho versato un pochino d’olio sopra ogni pacchero e li ho passati in forno caldo a 200°C. per 15 minuti da una parte ed altri 15 minuti dall’altra lato, in modo da farli dorare bene da ambo i lati. Intanto ho preparato la cremina, facendo bollire il finocchio, dopo averlo lavato bene e tagliato a pezzetti, coperto di acqua e un cucchiaio d’olio e sale, per circa 20 minuti, quando é abbastanza tenero l’ho mixato con il minipiper ed ho aggiunto il gorgonzola a piccoli pezzetti facendolo sciogliere bene a fuoco dolce. La salsina deve risultare non troppo densa, nel caso aggiungete un po’ d’acqua della pasta. Appena i pacheri risultano dorati li ho sistemati sui piatti di servizio e cosparsi di salsina caldissima…buona desgustazione.

*piccola nota
Questo tipo di pasta puo’ essere sostituita anche con dei maccheroni grossi o delle penne che si trovano più facilmente in commercio, ho preferito la cottura al forno perché fa parte delle mie cotture preferite, ma credo, e dovro’ sperimentare, si possa anche usare una padella con dell’olio e friggere la pasta impanata.

En Français,S’il vous plait

Paccheri impanati su cremina di finocchi e gorgonzola

“Paccheri di Gragnano” pâtes panée aux Herbes de Provence à la créme de fenouil et Gorgonzola

Ingredients pour 4 personnes

  • 20 “Paccheri” di Gragnano de blè ( c’est un format de grandes pâte particulièrement adaptés à ce genre de recette)
  • 2 oeufs
  • 2/3 càs de chapelure
  • 2 càs de parmesan rapé
  • 1 càc des herbes de Provence
  • sel e poivre

Pour la sauce

  • 100 g de fromage Gorgonzola
  • un bulb de fenouil
  • 2 càs d’huile extra d’olive
Bouillir le “paccheri” dans beaucoup d’eau salée selon le mode d’emploi ( j’ai laissé une minute de cuisson en plus vu que lorsque l’on mettra au four le paccheri panés dans la chapelure si la cuisson est trop “al dente” le paccheri risquent de devenir durs!)

Une fois la cuisson des paccheri terminés, les écouler et les étendre sur un torchon propre. Battre les oeufs dans un grand récipient, ajouter un filet d’huile. Préparer à part le mixe pour paner fait en mélangeant la chapelure, les herbes de Provence, le sel, le poivre e le parmesan fin. Plonger les paccheri d’abord dans les oeufs puis dans la preparation pour paner. Sur la plaque à four, où j’ai mis préalablement une feuille de papier à four, je verse mes pâtes sans le superposer, je verse de nouveau un filet d’huile et je mets au four pendant 15 mm encore de maniére à ce qu’elles soient dorées sur les 2 cotes.
En attendant, je prépare ma sauce , je lave soigneusement et je coupe en petits morceaux mon fenouil que recouvre d’eau et que je fais bouillir avec une cuillère d’huile et du sel pendant 20 mm.
Quand le fenouil est devenu tendre je le mixe finement et j’ajoute le gorgonzola en petits morceaux le faisant devenir crémeux, lentement. La sauce ne doit pas être trop dense, si cela est, ajouter un peu de l’rau de cuisson des pâtes.
Lorsque la dorure des pâtes est juste à point, sortir du four et les mettre sur le plat, napper de sauce et servir bien chaud! Bon appétit!!!!

N.B.: Ce genre de pâtes peut être remplacé par des gros macaronis ou des penne qui se trouvent facilement dans le commerce, j’ai préféré la cuisson au four parce que c’est l’une de mes cuisson préférées mais je crois devoir essayé aussi de passer les pâtes panées à la poêle avec un peu d’huile.

Annunci