Il dolce della mamma alle fragole


My creation

Provo una immensa gioia,quando attraverso le griglie del cortile della scuola , al mattino, lascio mio figlio entrare nel suo mondo di compagni,di giochi, di maestri, di cultura. Lo osservo, mentre lui ancora non mi vede, lo osservo correre verso i suoi compagni di classe, lascia la cartella e comincia la sua “indipendenza” da noi, dalla sua famiglia. Provo una grande gioia nell’osservare la sua tanquillità, i suoi gesti di familiarità con i suoi compagni, la sua espressione distesa , sorridente. La sua serenità mi consola mentre io percorro la strada di casa, sapendolo al sicuro con se stesso ed in un’ambiente che abbiamo voluto per lui. Quando abbiamo potuto scegliere dove vivere, dove acquistare la nostra casa é stato proprio in funzione della scuola, la sua posizione, la sua sicurezza e la sua qualità di vita. Non sempre questo é possibile, siamo stati fortunati ma anche tanti sacrifici e difficoltà per poter arrivare a questo. Non ho sempre l’occasione di poter osservare mio figlio attraverso la griglia della scuola, al mattino é sempre un correre contro il tempo, accompagnarlo al centro alle 7.30, lasciarlo sulla soglia della porta, dargli un bacio velocemente e girare le spalle per correrre dall’altra parte della città ad accompagnare l’altro figlio al colleggio. Quando mi ritrovo in macchina da sola dopo averli “depositati”, mi ripeto le due scene in testa per capire se ho fatto tutto bene se hanno preso la cartella e lo zaino dello sport , se Alex ha il telefonino e Vittorio ha la merendina…mi ripeto tutto per paura che qualcosa mi sia sfuggito dalla fretta e quando sento che tutto é a posto mi rilasso e vado al mio lavoro.
Dunque, questa mattina l’ho osservato finché la campanella suona l’ora di entrare in classe e…mi vede, corre vicino mi saluta con la mano, mi manda un bacio e corre con tutti gli altri a cercare la cartella lasciata in un angolo per entrare nel suo mondo, lontano dalla sua mamma e dal suo papa, dove noi non possiamo entrare, le suo mondo fatto per apprendere a camminare da solo.
Festa della mamma
Mi sono terribilmente commossa quando domenica scorsa, festa della mamma, qui in francia, m’ha offerto il suo lavoretto e la sua dedica…un vesetto con fiori di carta e “Mamma je t’aime”……ed un bacio grosso grosso.
Questa torta di fragole é stato il mio regalo per i bimbi ,molto gradito. Invero non era questa quella che avevo deciso di fare ma al momento della preparazione mi sono ritrovata, cosa rarissima, con solo 150 di farina bianca non potendo tirarmi indietro, sostituisco la differenza con della farina per briosche, ( manitoba) .Mi ritrovo con un dolce che sembra una briosce ma che in realtà doveva essere tutt’altro. Meno gonfia da permettere una decorazione a base di meringa…ma sarà per un’altra volta….. Il risultato non é stato per niente male, i bimbi, come già detto, l’hanno mangiata felicissimi. Scrivo la ricetta con le dosi “sbagliate”…….ma prima che le fragole termineranno definitivamente, voglio fare anche l’altra versione.
Ho utilizzato lo stampo per crostata della SILIKOMART, che colgo l’occasione per ringraziare per avermi messo a disposizione dei prodotti davvero eccezzionali , difficile farne a meno, insostituibili per qualsiasi nostra preparazione , non solo per chi é esperto in cuicina , ma anche per chi come me improvvisa maldestramente.

Torta alle fragole
Dolce alla fragole
Ingredienti: 4 uova intere freschissime – 150 g di farina doppio zero + 250 g di farina manitoba – 160 g di latte – 8 cucchiai d’olio evo – 1 bustina di lievito per dolci -1 bustina di zucchero vanigliato – 1 limone non trattato -200 g di fragole – zucchero a velo per decorare.

In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero e la bustina di zucchero vanigliato, fino a rendere l’impasto spumoso, aggiungere l’olio e mescolare ancora tre minuti. Mescolare le due farine setacciate con la bustina di lievito. Aggiungerla all’impasto precedente poco per volta alternado con il latte. Aggiungere infine la scorza del limone grattugiata.vversare l’impasto nella forma in silicone o in una teglia imburrata ed infarinata, livellare bene e infilare le fragole, lavate e tagliate in quattro. Infornate a 180 °C. per 25 min circa, fare la prova dello stecchino. Raffreddare e servire cospargendo di zucchero a velo.

Good Morning BLOG

Piccola ma grande nota: Chiedo umilmente scusa a tutte quelle amiche foodbloggers che ultimamente mi hanno attribuito dei premi e che per mia sbadataggine, diciamo pure “perdita di memoria” non riesco più a focalizzare queli erano. Uno si, ricordo di aver ricevuto questo simpaticissimo bizzarro pupazzetto al quale devo attribuire un nome e a prima vista mi sembro esattamente io mentre gironzolo al mattino presto dopo , con oggi, 14 giorni di insonnia per cui penso che il nome più appropriato sia “Dodo’ ” che in francese si dice ai bimbi quando é il momento di andare a letto.

Version fraçaise
Torta alle fragole
Gâteau au fraises
recettes prise sur le blog Paprika et Parmesanadapté par moi même

Ingredients: 4 oeufs – 150 g de sucre – 150 g de farine type 55 – 250 g de farine pour brioches
160 g de lait – 8 cuillères à soupe d’huile dolive – 1 sachet de levure chimique – 1 sachet de sucre vanillé – zeste de citron – 200 g environ de fraises

Mélangez au mixer les oeufs ave le sucre et le sucre vanillé jusq’à ce que le mélange soit mousseux. Ajoutez l’huile et mélangez encore 3 min; Mélangez les deux farines avec la levure et tamiser. Ajoutez au mélange oeufs en alternance la farina et le lait. Mixez encore à basse vitesse. Ajoutez le zeste de citron. Préparez un moule en silicone et versez-y le mélange,disposer les fruits coupés en quartiers. Enfourner à 180°C pour environ 25 mn (surveiller la cuisson à l’aide d’une pique). Laisser refroidir et parsemer de sucre glace.

Torta alle fragole

Annunci