C’é quello di colore rosa e……


P1130466

quello di colore nero.


Scoperto per caso e come per caso me lo ritrovo in casa l’ho prima assaggiato, ed é vero quello che dicono,  poi l’ho fotogratato.

Aglio nero - Black garlic

Ora non mi resta che utilizzarlo. Vi auguro un sereno week end a tutti 🙂


Black garlic



Nota:
All’apparenza si tratta di teste d’aglio come le altre, ma quando si aprono per prenderne gli spicchi, ecco la sorpresa: la polpa è totalmente nera. Non per una modificazione genetica, come si potrebbe pensare, ma per un processo di fermentazione. L’aglio contiene infatti zuccheri e aminoacidi che, con la fermentazione, producono la melanoidina, una sostanza scura responsabile per esempio del colore della birra. 


L’aglio nero, ottenuto lasciando fermentare l’aglio ad alta temperatura per circa un mese, ha il sapore pieno del classico bulbo (solo un po’ meno pungente) ma non lascia il retrogusto tanto temuto. Il risultato è un aglio esternamente molto simile al normale ma con la buccia un po’ secca, “cartacea”. Una volta pelato risulta invece nero-inchiostro e con una consistenza un po’ gommosa. In Asia è impiegato in numerose ricette, specialmente di pesce, e in alcune bevande dove a volte è usato in sostituzione del tamarindo. ( fonte web da l’Epresso food&vine)

Annunci